Title
Digging-Up.
Atlas of the Blank Histories

Date
2009

City
Turin

State
Italy

Coordinates
45°04'59.9"N 7°42'14.8"E


Pompei Cappadocia Kabul

The surface of the Earth has been reduced to a gigantic pile of radioactive waste, human beings have been forced to live underground and the victors are carrying out experiments on the vanquished. Since they cannot use space, the scientists in this underground world attempt to exploit the dimension of time. They use prisoners as guinea pigs to send back into the past in the hope of finding resources they can use to ensure the survival of the human race, and to repopulate the surface of the planet by using the present. This is an extended, mobile present, in which the future may already have taken place and the past may still be taking shape.

Plunging us into the future conjectured by the director Chris Marker in his ciné-roman La Jetée, the Digging-Up. Atlas of the Blank Histories project is an attempt to bring to life what in Marker’s short film appears as a succession of images, entrusting the journey into the past to core drilling, which by its very nature epitomises the stratification of time.

Backward Time Travel. In Black and Blue, her study of postwar French fiction, Carol Mavor describes La Jetée as taking “place in a no-place (u-topia) in no-time (u-chronia)” which she connects to the time and place of the fairy tale. She goes on to say “even the sound of the title resonates with the fairy-tale surprise of finding oneself in another world: La Jetée evokes ‘là j’étais’ (there I was)”. By “u-topia”, Mavor does not refer to “utopia” as the word is commonly used; she also describes an ambiguity of dystopia/utopia in the film: “It is dystopia with the hope of utopia, or is it utopia cut by the threat of dystopia.” [1]
Tor Books blogger Jake Hinkson summed up his interpretation in the title of an essay about the film, “There’s No Escape Out of Time”. He elaborated: What [the main character] finds ... is that the past is never as simple as we wish it to be. To return to it is to realize that we never understood it. He also finds–and here it is impossible to miss Marker’s message for his viewers–a person cannot escape from their own time, anyway. Try as we might to lose ourselves, we will always be dragged back into the world, into the here and now. Ultimately, there is no escape from the present.
1. Mavor, Carol (2012). Black and Blue: The Bruising Passion of Camera Lucida, La Jetée, Sans soleil, and Hiroshima mon amour.

To safeguard the history of our civilisation, and to preserve its memory by counteracting the amnesia process currently under way, the project intends to create over time an “atlas of humanity” consisting of an archive of soil samples extracted from different places around the world. The cores constitute the DNA of the places they come from and sampling them makes it possible to ensure reproducibility in the future, thus reversing the past into a sort of memory of what is to come, impressed upon the material extracted from the bowels of the Earth.

Difference and Repetition. Repetition for Itself. These layers describe different ways in which past and future can be inscribed in a present. As this inscription grows more complicated, the status of the present itself becomes more abstract.
Passive synthesis. Basic processes of the universe have a momentum that they carry into each present moment. A ‘contraction’ of reality refers to the collection of a diffuse ongoing force into the present. Prior thought and behavior, all substance performs contraction. “We are made of contracted water, earth, light, and air...Every organism, in its receptive and perceptual elements, but also in its viscera, is a sum of contractions, of retentions and expectations”. Passive synthesis is exemplified by habit. Habit incarnates the past (and gestures to the future) in the present by transforming the weight of experience into an urgency. Habit creates a multitude of “larval selves,” each of which functions like a small ego with desires and satisfactions.
Active synthesis. The second level of time is organized by the active force of memory, which introduces discontinuity into the passage of time by sustaining relationships between more distant events. A discussion of destiny makes clear how memory transforms time and enacts a more profound form of repetition: Destiny never consists in step-by-step deterministic relations between presents which succeed one another according to the order of a represented time. Rather, it implies between successive presents non-localisable connections, actions at a distance, systems of replay, resonance and echoes, objective chances, signs, signals, and roles which transcend spatial locations and temporal successions. Relative to the passive synthesis of habit, memory is virtual and vertical. It deals with events in their depth and structure rather than in their contiguity in time. Where passive syntheses created a field of ‘me’s,’ active synthesis is performed by ‘I.’ In the Freudian register, this synthesis describes the displaced energy of Eros, which becomes a searching and problematizing force rather than a simple stimulus to gratification.
Empty time. The third layer of time still exists in the present, but it does so in a way that breaks free from the simple repetition of time. This level refers to an ultimate event so powerful that it becomes omnipresent. It is a great symbolic event, like the murder to be committed by Oedipus or Hamlet. Upon rising to this level, an actor effaces herself as such and joins the abstract realm of eternal return. The me and the I give way to “the man without name, without family, without qualities, without self or I...the already-Overman whose scattered members gravitate around the sublime image”.
Empty time is associated with Thanatos, a desexualized energy that runs through all matter and supersedes the particularity of an individual psychic system. Deleuze is careful to point out that there is no reason for Thanatos to produce a specifically destructive impulse or ‘death instinct’ in the subject; he conceives of Thanatos as simply indifferent.
Gilles Deleuze, Difference and Repetition, 1968

The project by Lara Favaretto is based on the idea of telling a story by subtraction, in which nothing new is created: core-boring involves retrieving a portion of the existing stratified subsoil, and its historical, chemical, and physical analysis, and then archiving it, bringing out the memory it contains.

The starting point of the project is an investigation of a particular territory, in search of specific areas where the extraction is to be made. These restricted areas are not selected by means of physical exploration, but rather by consulting experts in various sectors – geologists, archaeologists, and historians, as well as writers and researchers – together with local people, who are the keepers of ancient stories, sayings and legends that are often unknown to the wider world, but all inextricably linked to the memory of those places.

The Allegory of the Cave. The Theory of Forms: One of Socrates’ (and Plato’s) chief ideas was that of forms, which explains that the world is made up of reflections of more perfect and ideal forms. The material world, the one we can see, touch, hear and smell, is really just half-seen images of the reality of the forms. Relying on your physical senses alone - trusting what you see, for instance, is, to Socrates, making yourself effectively blind. The world we see is only a reflection of the forms the world represents (and not even that accurately). A form, whether it’s a circle, or a table, or a tree or a dog, is, for Socrates, the answer to the question, What is that? Only understanding forms can lead to true knowledge.

The investigation makes it possible to map out sensitive areas, where traces of these events are preserved, hidden underground, and then brought back to light by core boring. These are forgotten, minor events, and “secondary” stories that flow alongside history and that, together with history, have remained imprinted and sedimented in the ground.

The Civilization Buried Under Layers of Ice The prolific writings of Plato continue to mystify readers, even to this day. In 355 BC, Plato pontificates to that of Atlantis, a great civilization that possessed advanced technological resources and one that was lost to time. For centuries, man has continued his quest to find Atlantis with no avail. As technology continues to flourish, the efforts to pinpoint this ancient site follow in tow. These endeavors have led explorers to the discovery of a copious amount of underwater cities.Let us consider the implications held by that of the Piri Reis map. Proven as a genuine document, the Piri Reis map dates back to 1513 with a primary focal point of the western coast of Africa, the eastern coast of South America, and the northern coast of Antartica. Crafted nearly 300 years prior to the discovery of Antartica, the Piri Reis map displays the Antarctic coast in stunning detail, as it would have been seen without the impact of glacial ice. How is this possible? Piri Reis offers his hand written explanation on the map itself – openly admitting that the map is not an original work, but more so a copy of a much older map. This suggests that the cartographers who surveyed the coast and crafted the map, would have done so at the end of the last ice age, as this was the last known epoch that warranted a lack of coastal ice. It has been proposed that this is possible, as Antartica was located approximately 2,000 miles further north, offering a more tempural climate. The fossil records obtained from Antartica confirm the existence of plant and animal life that would require a drastically different climate to thrive in. Based on this hypothesis, is it possible that what we know as Antartica is actually the lost continent of Atlantis? Is it possible that Atlantis has been staring us in the face for centuries and man has been looking in the wrong areas? “The Minoan Eruption”: this total catastrophe, taken together with the collapse of the volcano in the eruption, gave rise to the legend of Lost Atlantis

The territory and its past are meticulously researched and explored from various interrelated points of view (scientific, political, social, economic, and historical, but also literary, philosophical, science-fiction, cinematographic, and musical) and the stories that emerge from this are scrutinised by a committee of experts. This leads to a selection of those that are most significant for the purposes of the project and involves physically bringing them up from the subsoil by means of core boring.

How Modernity Forgets
1. Innermost, or most essential part of anything.
2. Also called magnetic core. Electricity. the piece of iron, bundle of iron wires, or other ferrous material forming the central or inner portion in an electromagnet, induction coil, transformer, or the like.
3. (in mining, geology, etc.) a cylindrical sample of earth, mineral, or rock extracted from the ground by means of a corer so that the strata are undisturbed in the sample.
4. The inside wood of a tree.
5. Anthropology a lump of stone, as flint, from which prehistoric humans struck flakes in order to make tools.
6. Carpentry a thickness of wood forming a base for a veneer.

The stories create a new map of the territory, with tales and testimonies, memories and anecdotes, forming a map that can be superimposed on the geographical one. When the two are combined, they constitute a means for gaining an in-depth, but also unusual, singular understanding of the territory. The map contains a pattern of unassuming, whispered stories, of marginal but significant episodes from different periods that can be found in books or in oral tradition, constituting the preliminary and fundamental phase of the project.

These stories, which are stored both in memories and in the ground, in time and in space, will be told solely by a work of subtraction, in their material form as it appears in the compressed core.

The depth of the bore depends on where it is carried out; once extracted, each individual core is placed inside a box that is suitable for its conservation. These are standard containers that are normally used for this purpose. The date and geolocation coordinates of the extraction site are indicated on the lid of each container, together with the data gleaned from an examination of the material by a geologist, who also offers an interpretation that goes down through the material components and the history of the strata in the subsoil.

The Language of Layers. In the 1840s, Hitchcock suspected laminated sediment in North America could be seasonal, and in 1884 Warren Upham postulated that light-dark laminated couplets represented a single year’s deposition. Despite these earlier forays, the chief pioneer and populariser of varve research was Gerard De Geer. While working for the Geological Survey of Sweden, De Geer noticed a close visual similarity between the laminated sediments he was mapping, and tree-rings. This prompted him to suggest the coarse-fine couplets frequently found in the sediments of glacial lakes were annual layers.

Just as one can assess the age of the tree by counting the number of rings, so one can identify the different ages of the subsoil by examining its layers: a horizontal reading that turns the core, through the gradual vertical examination of its superimposed layers, into a timeline – a spatial materialisation of the passage of time.
The analysis provided by the geologist is key, since it provides a real possibility of recreating, at some point in the future, the same chemical composition of the Earth in a specific geographical area and in a particular period, with a trace of the DNA of the events that shaped it. If we look into a hypothetical post-apocalyptic future, the core sample will act a relic, as the keeper of the Earth’s DNA, as well as a sort of guinea pig that can be investigated and experimented on.

The core samples are displayed horizontally, on a table designed by the artist, which only varies in terms of its size, depending on the different depths at which the samples were taken and thus on the different lengths of the containers. The size of the table top is the same as that of the box.
The following information is provided about each core sample: the date of extraction, details about the geographical site (the nation, region, province, city, and locality) and the analysis made by the geologist. This provides the public with not only the actual core and where and when it was extracted, but also a greater understanding of the materials it consists of.

Each hole drilled in the ground in order to extract the core is sealed with a plaque made of the metal commonly used in the local area. The plaque covers the entire hole and is fastened to the ground, filling part of the cavity. The way the plaque is made and placed is decided on each occasion, depending on the methods adopted by the local workers, on the location of the core drilling, and on the type of subsoil.
Each plaque bears the following information, written in the local language: the title and logo of the project, the date of extraction, the number of the core sample in the group of extractions carried out in that region, which are indicated in chronological order, and a detailed indication of the geographical site: the nation, region, province, city, location, and depth of extraction.

When the exhibition is over, the cores are placed in a special iron container, to be preserved and passed on to future generations. Once it is complete, the container is sealed and buried, thus turning it into a Time Capsule.
A plaque is placed where it is buried, like a sort of local stone tombstone, with an engraving bearing the dates of burial and disinterment, which is set for a century later. The plaque is the same size as one side of the buried container, as though it were its shadow projected onto the surface of the earth.

Preserving the Crypt of Civilization. Thornwell Jacobs , who passed in 1956, left this “Message to the Generations of 8113,” on a plague outside the room: “This Crypt contains memorials of the civilization which existed in the United States and the world at large during the first half of the twentieth century. In receptacles of stainless steel, in which the air has been replaced by inert gasses, are encyclopedias, histories, scientific works, special editions of newspapers, travelogues, travel talks, cinema reels, models, phonograph records, and similar materials from which an idea of the state and nature of the civilization which existed from 1900 to 1950 can be ascertained. No jewels or precious metals are included. We depend upon the laws of the county of DeKalb, the State of Georgia, and the government of the United States and their heirs, assigns, and successors, and upon the sense of sportsmanship of posterity for the continued preservation of this vault until the year 8113, at which time we direct that it shall be opened by authorities representing the above governmental agencies and the administration of Oglethorpe University. Until that time we beg of all persons that this door and the contents of the crypt within may remain inviolate.”

The data of the Time Capsule are sent to the International Time Capsule Society (ITCS), an institution founded in 1990 in Atlanta, Georgia (USA), with the aim of promoting the in-depth study of Time Capsules. These capsules are used to convey the memory of a particular historical period to posterity, with a selection of objects that are considered representative of life at the time. In this case, the Time Capsule does not have the task of handing down the memory of a specific period in the form of emblematic objects, but rather of giving posterity a “fossil” memory in the form of subsoil samples, like a black box from a distant age that has settled and made its recordings. The ITCS, where the container that holds the core samples is registered by filling in a special form, maintains a database of all the time capsules buried across the world.
The progress of the project, in the various stages described here, is governed by a contract drawn up between the artist and the institution that intends to put it into practice. In view of the period of time involved, the contract covers the completion of the project in its entirety, all the way to the exhumation of the capsule in a hundred years’ time.

While all the core samples are placed together in a single container, which is then buried in a particular place, the plaques that seal each hole drilled for the coring are scattered across the surface of the Earth, forming a constellation on the actual land, tracing out a new, original map. This map does not represent geography, but is the result of a choral story, an atlas of neglected stories. Each core sample creates a portrait of a place, bringing it to the surface, making it possible to reconstruct the history and identity of a city by following the various steps that, over time, have led to what we see today.

Digging-Up first came about as part of the Momentary Monument series, of which it is the last chapter: with the subtitle The Core, the project was first carried out in Kabul in 2012, on the occasion of dOCUMENTA (13). The procedure has evolved over time and, when it was performed in Cappadocia (2017) and in Pompei (2019), it acquired what is now its final form, as described and explained here.

The site you are browsing is the virtual counterpart of the material execution of Digging-Up, a project that is currently under way. As well as monitoring the progress of the work, the site also contains research data and the materials that have been collected, including the individual stories behind each core boring.

The site is a dynamic, constantly updated platform, as well as a place for reflection on, and analysis of, the various themes, theories and ideas that gave rise to the project, while the material collected here is made available to inspire new studies, ideas, theories, and stories. Many definitions and interpretations can be given to core boring when it is viewed from different perspectives, especially when one considers the short-circuit between the dimensions of space and time, but also, within the second dimension, between the past, present and future that it embodies.

The aim of the project is to achieve a full understanding of the various definitions, and the complexities and multiple meanings of core drilling and its self-sufficiency: a palimpsest of human history, to which everything can be traced back.

Title
Digging-Up.
Atlas of the Blank Histories

Data
2009

Città
Torino

Stato
Italia

Coordinata
45°04'59.9"N 7°42'14.8"E


Pompei Cappadocia Kabul

La superficie della Terra è stata ridotta a una gigantesca scoria radioattiva, gli esseri umani sono ormai costretti a vivere nel sottosuolo e i vincitori della guerra conducono esperimenti sui vinti. Non potendo utilizzare lo spazio, gli scienziati nei sotterranei cercano di sfruttare la dimensione del tempo. Utilizzano i prigionieri come cavie da spedire nel passato con la speranza di recuperare risorse utili alla sopravvivenza del genere umano decimato e di ripopolare la superficie terrestre attraverso l’uso del presente. Un presente mobile, esteso, in cui il futuro può avere già avuto luogo e il passato può essere ancora in via di definizione.

Proiettandoci nel futuro ipotizzato dal regista Chris Marker nel photo-roman La Jetée, il progetto Digging-Up. Atlas of the Blank Histories risponde al tentativo di inverare quello che nel cortometraggio di Marker avviene attraverso una successione di immagini, affidando il viaggio nel passato al carotaggio, che incarna per sua stessa natura la stratificazione del tempo.

Backward Time Travel. In Black and Blue, il suo studio sul giallo francese del dopoguerra, Carol Mavor descrive La Jetée come qualcosa che accade “in un non-luogo (u-topia) in un non-tempo (u-chronia)” che lei collega al tempo e al luogo della fiaba. Continua dicendo che “anche il suono del titolo risuona alla sorpresa fiabesca di trovarsi in un altro mondo: La Jetée evoca “là j’ètais” (lì ero)”. Con “u-topia”, Mavor non fa riferimento alla parola “utopia” com’è comunemente usata; descrive anche un’ambiguità di distopia / utopia nel film: “È distopia con la speranza dell’utopia o è utopia tagliata dalla minaccia della distopia”.[1]
Il blogger di Tor Books, Jake Hinkson, ha riassunto la sua interpretazione nel titolo di un saggio sul film, “There’s No Escape Out of Time”. Egli ha elaborato: Quello che [il personaggio principale] trova ... è che il passato non è mai così semplice come vorremmo. Ritornare ad esso significa rendersi conto che non l’abbiamo mai capito. Egli pensa anche che - e qui è impossibile non vedere il messaggio di Marker per i suoi spettatori - una persona non può fuggire dal proprio tempo, in ogni caso. Potremmo provare a perderci, ma verremmo sempre trascinati indietro, nel mondo, nel qui e nell’ora. In definitiva, non esiste una fuga dal presente.
1. Mavor, Carol (2012). Black and Blue: The Bruising Passion of Camera Lucida, La Jetée, Sans soleil, and Hiroshima mon amour.

Al fine di salvaguardare la Storia della nostra civiltà, e di conservarne la memoria contrastando il processo di amnesia in atto, il progetto intende creare nel tempo un “atlante dell’umanità” costituito da un archivio di campioni di terreno estratti in diverse zone della Terra. I carotaggi costituiscono il DNA dei luoghi da cui provengono, una loro campionatura che ne permetterà la riproducibilità in futuro, rovesciando così il passato in una “memoria dell’avvenire” impressa nel materiale estratto dalle viscere della Terra.

Differenza e ripetizione. Ripetizione per Se stessa. Questi strati descrivono diversi modi in cui il passato e il futuro possono essere scritti in un presente. Man mano questa iscrizione diventa più complessa, lo status del presente stesso diventa più astratto. As this inscription grows more complicated, the status of the present itself becomes more abstract.
Sintesi passiva. I processi di base dell’universo hanno un impulso che portano in ogni momento presente. Una “contrazione” della realtà si riferisce alla raccolta di una forza continua diffusa nel presente. Prima del pensiero e del comportamento, ogni sostanza esegue la contrazione. “Siamo fatti di acqua, terra, luce e aria contrattata... ogni organismo nei suoi elementi ricettivi e percettivi, ma anche nella sua viscera, è una somma di contrazioni, di ritenzioni e di espansioni”. La sintesi passiva è esemplificata dall’abitudine. L’abitudine incarna il passato (e gesti verso il futuro) nel presente trasformando il peso dell’esperienza in un’urgenza. L’abitudine crea una moltitudine di “individui larvali”, ognuno dei quali funziona come un piccolo ego con desideri e soddisfazioni.
Sintesi attiva. Il secondo livello del tempo è organizzato dalla forza attiva della memoria, che introduce discontinuità nel passare del tempo sostenendo le relazioni tra eventi distanti. Una discussione sul destino rende chiaro come la memoria trasforma il tempo e attua una forma più profonda di ripetizione: il Destino non consiste mai in rapporti passo-passo deterministici tra i presenti che si succedono l’un l’altro secondo l’ordine di un tempo rappresentato. Piuttosto implica tra i presenti che si susseguono connessioni non localizzabili, azioni a distanza, sistemi di riproduzioni, risonanze ed echi, oggettivi del caso, segni, segnali e ruoli che trascendono la localizzazione spaziale e le successioni temporali. Rispetto alla sintesi passiva dell’abitudine, la memoria è virtuale e verticale. Si occupa di eventi nella loro profondità e nella struttura piuttosto che nella loro contiguità nel tempo. Dove le sintesi passive hanno creato un campo di “se stessi”, la sintesi attiva è eseguita dall’“io”. Nel registro freudiano, questa sintesi descrive l’energia spostata di Eros, che diventa una forza problematizzante e di ricerca piuttosto che un semplice stimolo alla gratificazione.
Tempo vuoto. Il terzo strato di tempo esiste ancora nel presente, ma lo fa in un modo che si libera dalla semplice ripetizione del tempo. Questo livello si riferisce a un evento definitivo così potente che diventa onnipresente. È un grande evento simbolico, come l’omicidio da commettere da Edipo o da Amleto. Quando si alza a questo livello, un attore si esegue come tale e si unisce al regno astratto del ritorno eterno. L`essere stesso e il Io cedono il posto a “l’uomo senza nome, senza famiglia, senza qualità, senza sé o io... il già-Superuomo i cui membri dispersi gravitano attorno all’immagine sublime”. Il tempo vuoto è associato a Thanatos, un’energia desessualizzata che attraversa tutta la materia e sostituisce la particolarità di un sistema fisico individuale. Deleuze è attento a sottolineare che non c’è ragione per Thanatos di produrre un impulso specificamente distruttivo o “istinto di morte” nel soggetto; egli concepisce Thanatos come semplicemente indifferente.
Gilles Deleuze, Difference and Repetition, 1968

Il progetto di Lara Favaretto è basato sull’idea di racconto per sottrazione, dove nulla di nuovo è creato: attraverso il carotaggio avviene il recupero di una porzione di sottosuolo stratificato esistente e, tramite la sua analisi storica e chimico-fisica e la sua archiviazione, si mette a frutto la memoria che esso contiene.

Il punto di partenza del progetto è un’indagine condotta su un determinato territorio, alla ricerca di aree specifiche presso cui effettuare estrazioni di sottosuolo. L’individuazione di queste zone circoscritte non avviene attraverso un’esplorazione fisica, ma consultando professionisti provenienti da vari campi – geologi, archeologi e storici, oltre a scrittori e ricercatori – insieme a abitanti del posto, depositari di storie, detti o leggende antiche, spesso sconosciute ai più, ma indissolubilmente intrecciate alla memoria di quei luoghi.

L'allegoria della grotta. La teoria delle forme: Una delle idee principali di Socrate, e Platone, era quella delle forme, che spiega che il mondo è composto di riflessioni di forme più perfette e ideali. Il mondo materiale, quello che possiamo vedere, toccare, sentire e odorare, è esclusivamente una visione a metà della realtà delle forme. Confidarsi sui soli sensi fisici – per esempio credendo a quello che vedi, è per Socrate, diventare effettivamente cieco. Il mondo che vediamo è solo un riflesso delle forme che il mondo rappresenta (e nemmeno in modo accurato). Una forma, sia essa che si tratti di un cerchio, di un tavolo, di un albero o di un cane, è, per Socrate, la risposta alla domanda, Che cos’è? Solo la comprensione delle forme può portare a una vera conoscenza.

L’indagine consente di tracciare una mappatura di zone sensibili, aree dove si conservano, nascoste sottoterra, tracce di queste vicende che sono riportate alla luce praticando i carotaggi. Si tratta di fatti dimenticati, minori, di storie “laterali” che scorrono accanto alla Storia, e che insieme a essa sono rimaste impresse, sedimentate nella materia della terra.

La civiltà sepolta sotto strati di ghiaccio Gli scritti prolifici di Platone continuano a mistificare i lettori fino ad oggi. Nel 335 aC, Platone scrisse sull’Atlantide, una grande civiltà che possedeva risorse tecnologiche avanzate e che si è perduta nel tempo. Da secoli, l’uomo ha continuato nella ricerca per trovare Atlantide senza alcun risultato. Mentre la tecnologia continuerà a fiorire, gli sforzi per individuare questo sito antico seguiranno. Questi sforzi hanno portato esploratori alla scoperta di una quantità significativa di città subacquee. Consideriamo adesso le implicazioni della mappa di Piri Reis. Comprovato come un vero e proprio documento, la mappa di Piri Reis risale al 1513 con un punto focale primario nella costa occidentale dell’Africa, la costa orientale del Sud America e la costa nordica dell’Antartide. Realizzato quasi 300 anni prima della scoperta di quest’ultima, la mappa di Piri Reis mostra la costa antartica con splendidi dettagli, come sarebbe stata vista senza l’impatto del ghiaccio glaciale. Com’è possibile? Piri Reis offre la sua spiegazione scritta a mano sulla mappa stessa - ammettendo apertamente che la mappa non è un’opera originale, ma una copia di una mappa molto più antica. Ciò suggerisce che i cartografi che esaminarono la costa e che realizzarono la mappa, lo avrebbero fatto alla fine dell’ultima era glaciale, poiché sarebbe questa l’ultima epoca nota che garantì la mancanza del ghiaccio costiero. Si suppone che ciò sia stato possibile, giacché l’Antartica era situata a circa 2000 miglia più a nord, e quindi offrisse un clima più temperato. La registrazione dei fossili trovati in Antartica confermerebbe l’esistenza della vita vegetale e animale che richiedeva un clima drasticamente diverso per prosperare. Basata su questa ipotesi, sarebbe possibile che quello che conosciamo come Antartica sia in realtà il continente perduto di Atlantide? Sarebbe possibile che Atlantide ci guardi in faccia da secoli e che l’uomo stia guardando nelle aree sbagliate? “L’eruzione minoica”: questa catastrofe totale, insieme al crollo del vulcano nell’eruzione, ha dato origine alla leggenda dell’Atlantide Perduto.

Attraverso una ricerca capillare volta a indagare il territorio e il suo passato, esplorati da differenti punti di vista tra loro correlati (scientifico, politico, sociale, economico, storico, ma anche letterario, filosofico, fantascientifico, cinematografico, musicale), le storie rintracciate sono passate al vaglio da un comitato formato dai professionisti coinvolti, per arrivare a una selezione delle più significative ai fini del progetto e per farle riemergere fisicamente dal sottosuolo attraverso i carotaggi.

Come la modernità dimentica
1. La parte più intima o più interna di qualsiasi cosa.
2. Chiamato anche nucleo magnetico. Elettricità. il pezzo di ferro, un fascio di fili di ferro o altri materiali ferrosi che costituiscono la parte centrale o interna di un elettromagnete, di un olio di induzione, di un trasformatore o simili.
3. (Industria miniera, geologia, ecc.) un campione cilindrico di terra, minerale o roccia estratto dal suolo mediante un carotaggio in modo che gli strati siano indisturbati sul campione.
4. Il legno interno di un albero.
5. Antropologia un grumo di pietra, come la selce, da cui gli umani preistorici fecero lamine per produrre strumenti.
6. Carpenteria uno spessore di legno che forma la base per un’impiallacciatura.

Le storie danno vita a una nuova mappa del territorio, costituita da racconti e testimonianze, ricordi e di aneddoti; una carta da sovrapporre a quella geografica, e che unita a essa diventa strumento per una conoscenza approfondita, ma anche inusuale, singolare, del territorio. Una mappa su cui è disegnata una trama di storie dimesse e sussurrate, di episodi marginali ma significativi, appartenenti a epoche diverse erintracciati nei libri o tramandati oralmente, che costituiscono la fase preliminare e fondamentale del progetto.

Il racconto di queste storie, archiviate nella memoria come nel terreno, nel tempo come nello spazio, sarà affidato unicamente a un gesto di sottrazione, materializzato nella compressione del carotaggio.

La profondità dell’estrazione è determinata dal luogo in cui è effettuata; una volta estratto, ogni singolo carotaggio è collocato all’interno di una scatola adatta alla sua conservazione. Si tratta di contenitori standard, comunemente utilizzati. Sul coperchio di ogni contenitore sono indicate la data e le coordinate di geolocalizzazione del luogo di estrazione, insieme ai dati emersi dall’esame del materiale da parte di un geologo, che propone inoltre una lettura e un’interpretazione che ripercorre le componenti materiali e la storia degli strati di sottosuolo.

La lingua degli strati. Nel 1840, Hitchcock sospettava che la sedimentazione laminata in Nord America potrebbe essere stagionale, e nel 1884 Warren Upham affermava che le lamine accoppiate di sedimenti chiaro-scuri rappresentavano la deposizione di un anno. Nonostante questi primi tentativi, il principale pioniere e divulgatore della ricerca è stato Gerard De Geer. Mentre lavorava per l’Indagine Geologica svedese, De Geer notò una stretta somiglianza visiva tra i sedimenti laminati che stava mappando e gli anelli interni degli alberi. Questo l’ha spinto a suggerire che gli accoppiamenti grosso-fini spesso trovati nei sedimenti dei laghi glaciali erano strati annuali.

Come dal numero degli anelli si può risalire all’età dell’albero, così dalla lettura del materiale stratificato è possibile identificare le diverse temporalità del terreno: una lettura orizzontale che trasforma il carotaggio, nella verticalità e approfondimento progressivo dei suoi strati sovrapposti, in una timeline, una materializzazione spaziale del passaggio del tempo.

L’analisi fornita dal geologo è fondamentale, poiché rende concreta la possibilità di ri-creare in futuro la stessa composizione chimica della Terra appartenente a una determinata area geografica e in una determinata epoca, e che contiene nel proprio DNA una traccia degli eventi che l’hanno modellata. Proiettandoci in un ipotetico futuro post-apocalittico, il carotaggio assumerà la funzione di reliquia, in quanto custode del proprio DNA, e allo stesso tempo di cavia, in quanto materia da indagare e sperimentare.

I carotaggi sono esposti in senso orizzontale, appoggiati su un tavolo progettato dall’artista, la cui unica variante può essere la dimensione, che dipende dalle diverse profondità dei carotaggi e quindi dalla diversa lunghezza dei loro contenitori. La dimensione del piano del tavolo è corrisponde a quella della scatola.
Per ogni carotaggio, sono rese note le seguenti informazioni: la data di estrazione, i dettagli del sito geografico (stato, regione, provincia, città, località) e l’analisi fatta dal geologo, in modo da fornire al pubblico, insieme al carotaggio vero e proprio e alle coordinate spazio/temporali dell’estrazione, una lettura più approfondita della materia che lo compone.

Ogni foro praticato nel terreno, risultato dal carotaggio, è sigillato con una placca del metallo comune usato localmente. La placca ricopre l’intero foro ed è fissata al terreno, riempiendo parte della cavità. Il metodo di realizzazione e il posizionamento della placca sono stabiliti di volta in volta in accordo con le metodologie delle maestranze locali, a seconda della posizione del carotaggio e della qualità del terreno.
Su ogni placca sono riportati, scritti nell’idioma locale, i seguenti dati: il titolo e il logo del progetto, la data di estrazione, il numero di carotaggio all’interno del gruppo di estrazioni effettuate in quella regione, seguendo un ordine cronologico, le indicazioni del sito geografico nel dettaglio: stato, regione, provincia, città, località, la profondità dell’estrazione.
Una volta terminata l’esposizione, i carotaggi sono archiviati all’interno di uno speciale contenitore in ferro, per essere preservati e tramandati al futuro. Una volta completo, questo contenitore sarà sigillato e sotterrato, trasformandosi così in una Time Capsule, una “macchina del tempo”.
Nel punto in cui esso è seppellito è collocata una targa, una sorta di lapide in pietra locale, su cui sono incise la data di sotterramento e di riesumazione, prevista dopo un secolo. La lapide ha la stessa dimensione di una faccia del contenitore sepolto, come se fosse la sua ombra proiettata sulla superficie terrestre.

Preservando la cripta della civiltà. Thornwell Jacobs, mancato nel 1956, lasciò questo “Messaggio alle generazioni dell’8113”, su una placca fuori dalla stanza: “Questa Cripta contiene memorie della civiltà esistente negli Stati Uniti e nel mondo durante la prima metà del ventesimo secolo. Nel contenitore di acciaio inossidabile, nel quale l’aria è stata sostituita da gas inerti, ci sono delle enciclopedie, delle storie, delle opere scientifiche, delle edizioni speciali di giornali, dei diari e racconti di viaggio, delle bobine cinematografiche, dei modelli, dei record di fonografo e materiali simili dai quali può essere stratta un’idea dello stato e della natura della civiltà esistente dal 1900 al 1950. Non sono inclusi gioielli o metalli preziosi. Dipendiamo dalle leggi della contea di DeKalb, dello Stato della Georgia e del governo degli Stati Uniti e dei loro eredi, assegnatari e successori e sul senso di onorare la posterità per la continua conservazione di questa tomba fino all’anno 8113, momento nel quale dirigiamo che sia aperta in mano delle autorità che rappresentino le agenzie di governo citate sopra e l’amministrazione dell’Università di Oglethorpe. Fino a quel momento si chiede a tutte le persone che questa porta e il contenuto all’interno di questa cripta possano rimanere intatti.”

I dati della Time Capsule sono trasmessi all’International Time Capsule Society (ITCS), un’istituzione fondata nel 1990 ad Atlanta in Georgia (USA), con la finalità di promuovere lo studio approfondito delle Time Capsule: contenitori utilizzati per trasmettere ai posteri la memoria di un determinato periodo storico, attraverso una selezione di oggetti considerati rappresentativi della vita in quel momento. In questo caso alla Time Capsule non è affidata la trasmissione del ricordo legato a un periodo specifico attraverso oggetti emblematici, ma ai posteri è consegnata una memoria “fossile” tramite quei campioni di sottosuolo dove si è sedimentata, registrata, una scatola nera proveniente da tempi remoti. L’International Time Capsule Society (ITCS), dove il contenitore che custodisce i carotaggi è registrato attraverso la compilazione di un modulo apposito, conserva il database di tutte le capsule del tempo presenti sul pianeta.

Lo svolgimento del progetto, scandito dalle singole fasi qui descritte, è regolamentato da un contratto, stipulato tra l’artista e l’istituzione che intende realizzarlo. Vista l’estensione temporale, il contratto garantisce inoltre il compimento del progetto nella sua interezza, fino alla riesumazione della Time Capsule tra cento anni.

Se tutti i carotaggi sono riuniti in un unico contenitore, sotterrato in uno specifico punto, le placche che chiudono ogni foro scavato dal carotaggio sono disseminate sulla superficie della Terra, formando una costellazione sul territorio vero e proprio, di cui traccia un’inedita e originale mappatura. È una mappa che non ricalca la geografia, ma è il risultato di un racconto corale, un atlante di storie omesse. Ogni carotaggio è un ritratto di un luogo riportato in superficie, rendendo possibile la ricostruzione della storia dell’identità di una città seguendo le tappe che, nel corso del tempo, hanno portato alla situazione che oggi conosciamo.

Digging-Up è nato all’interno della serie Momentary Monument, di cui rappresenta l’ultimo capitolo: con il sottotitolo The Core, il progetto è stato realizzato per la prima volta a Kabul nel 2012, in occasione di dOCUMENTA (13). La sua prassi si è sviluppata nel tempo e, in occasione dell’esecuzione in Cappadocia nel 2017 e a Pompei nel 2019, ha trovato la sua forma per ora finale, e qui appena descritta e dettagliata.

Il sito che state navigando costituisce la controparte virtuale all’esecuzione materiale di Digging-Up, che è un progetto in progress. Oltre a monitorare lo stato dei lavori, il sito contiene i dati relativi alle ricerche e il materiale raccolto, comprese le singole storie in base alle quali ogni carotaggio è stato effettuato.

Concepito come piattaforma dinamica e in costante aggiornamento, il sito è inoltre un luogo di riflessione e di approfondimento dei diversi temi, teorie e suggestioni che hanno originato il progetto e, a sua volta, il materiale qui raccolto è resto disponibile per stimolare nuove ricerche, idee, teorie e narrazioni.

Sono numerose le definizioni e le interpretazioni che dalle varie prospettive possono essere date al carotaggio, soprattutto prendendo in considerazione il cortocircuito tra dimensione spaziale e temporale, ma anche, all’interno della seconda dimensione, tra passato, presente e futuro che esso incarna.

Obiettivo del progetto è quello di far emergere, attraverso la lettura completa delle varie definizioni elaborate, la complessità e la polisemia del carotaggio, e la sua autosufficienza: un palinsesto della storia dell’umanità, a cui tutto può essere ricondotto.